In bicicletta a Malaga: La Fuente de la Reina

In bicicletta a Malaga fino a “La Reina

La Fuente de la Reina – la fontana della regina – è per i ciclisti locali di Malaga ciò che l’Alpe d’Huez è per i ciclisti francesi. Infatti, quando la Vuelta a España (il Tour d’France spagnolo) passa per questa regione, la salita a La Reina fa spesso parte della tappa di Malaga.

” Subir a La Reina” (salire a La Reina) è un rito di passaggio per ogni ciclista di Malaga. “La Reina” è il nome che i malagueños danno al percorso che dal centro della città porta alla mitica fontana e al Puerto de Leon.

The final approach to la Fuente de la Reina in the Montes of Malaga
L’avvicinamento finale alla Fuente de la Reina nei Monti di Malaga

Puerto de León si trova a 900 metri sul livello del mare e dista circa 16 chilometri dal centro di Malaga. Quindi, anche se l’obiettivo è quello di arrivare a “La Reina”, è obbligatorio salire ancora qualche metro fino alla cima della montagna per raggiungere i 900 metri di Puerto de León.

The summit of the highest point in the Montes of Malaga: Puerto de León at 900 metres above sea level
Il punto più alto dei Montes de Malaga: Puerto de León a 900 metri sul livello del mare.

Pedalare a Malaga: come un abitante del luogo!

Nel corso degli anni, “La Reina” si è trasformata in una sorta di pellegrinaggio locale. Per molti ciclisti, salire a La Reina tutte le volte che il tempo lo permette diventa una vera e propria dipendenza.

È una facile fuga dalla città. Tuttavia, non è una salita facile. Sofferenza e gioia vanno di pari passo. Pendenze impegnative, fino al 14%, sono ricompensate da panorami spettacolari. Si alternano su entrambi i lati mentre si sale a zig-zag lungo la strada di montagna, simile a un labirinto. La città e il porto diventano sempre più distanti da un lato. Dall’altra, l’infinita natura delle montagne pompa ossigeno nei polmoni e passione per questo luogo speciale che rimarrà per sempre nel vostro cuore. Lo prometto!

Allora, siete pronti a fare come gli abitanti del luogo e a “subir a La Reina”?

Certo che sì! Per prima cosa dovrete noleggiare una delle nostre nuovissime biciclette KONA TREKKING. Vi forniamo caschi, lucchetti, luci e kit di riparazione. (Portate le luci anche di giorno perché passerete attraverso un paio di tunnel nelle montagne).

È essenziale portare con sé una giacca per la “bajada”, la splendida discesa. La discesa richiede circa un quarto del tempo impiegato per arrivare in cima. Leggi: è veloce, molto! E può fare freddo, molto! Una buona idea è anche quella di portare con sé degli spuntini energetici che vi aiutino a risalire la montagna.

Pedalare a Malaga di fontana in fontana!

L’inizio “ufficiale” del percorso verso La Reina è alla Fontana di Olletas. (Fuente Olletas). Dal centro della città, dirigetevi verso nord lungo Calle Victoria. Poi girate a sinistra in Calle Cristo de la Epidemia (via Cristo dell’Epidemia – adoro questo nome!). Troverete la bellissima fontana sul lato opposto della rotatoria.

One of our KONA DEW trekking bikes at Fuente Olletas at night
Una delle nostre bici da trekking KONA DEW a Fuente Olletas di notte

Poi, prendete il Camino Colmenar e salite!

E su!

E continuare a salire!

(Potete trovare il percorso alla fine di questo blog).

Dopo aver lasciato Fuente Olletas, rimarrete stupiti da come il trambusto della città si lasci bruscamente alle spalle. Improvvisamente ci si trova in mezzo alla natura. Per me questa è una delle gioie del ciclismo a Malaga. La natura è proprio a portata di mano.

Questo percorso in bicicletta a Malaga non inizia e finisce solo con le fontane. Inizia e finisce anche con “un muro”. Non c’è riscaldamento in questo percorso. Si sale subito, in modo ripido. Alla fine, il percorso termina nello stesso modo ripido per arrivare alla Fuente de la Reina.

Punti di ristoro in bicicletta a Malaga

Lungo la strada si incontrano diverse VENTAS. Si tratta di ristoranti di montagna che servono un’abbondante cucina contadina locale. Due Ventas affiancate: la Venta Boticario e El Mijeño si trovano di fronte all’ingresso del Parco Naturale dei Monti di Malaga. Il parco offre infiniti percorsi per il ciclismo fuoristrada a Malaga e per l’escursionismo.

Road-side mountain restaurant Venta Boticario in the Montes of Malaga
Ristorante di montagna su strada Venta Boticario nei Montes de Malaga

k

Entrance to the Natural Park of the Montes of Malaga, opposite the Ventas Boticario and Mitjana
Ingresso al Parco Naturale dei Monti di Malaga, di fronte alle Ventas Boticario e Mitjana

Ingresso al Parco Naturale dei Monti di Malaga, di fronte alle Ventas Boticario e Mitjana
Dopo un paio di chilometri di salita, si arriva a EL MIRADOR. Mirador significa punto di osservazione. È quindi il luogo ideale per fermarsi, riposare, sgranchirsi e fare uno spuntino. Inoltre, godetevi l’incredibile vista!

One of the best views while cycling in Malaga- from EL MIRADOR in the Montes of Malaga
Uno dei panorami più belli di Malaga in bicicletta – da EL MIRADOR nei Montes de Malaga

Dopo il Mirador, se non avete già le luci accese, è il momento di accenderle. Ci sono un paio di gallerie sulla strada da percorrere. Anche se non sono molto lunghi, è sempre più sicuro avere le luci accese.

La salita da qui in poi è, diciamo, inesorabile. Fortunatamente, quando la strada inizia a spianare un po’, si raggiunge un’altra VENTA chiamata El Detalle. Di solito mi fermo qui per un caffè, per raccogliere le forze e prepararmi mentalmente agli ultimi 3 km del percorso.

Venta el Detalle- last stop before the last climb to la Reina
Venta el Detalle- ultima sosta prima dell’ultima salita a la Reina

Gli ultimi 3 km si possono descrivere con una sola parola: INFIERNO. Saranno i tre km più lunghi della vostra vita, credetemi. Ma fatevi coraggio, il “muro” finisce quando in lontananza appare una parete bianca. Poco dopo, appare la maestosa Fuenta de la Reina.

The majestic Fuente de la Reina at the top of the Montes of Malaga
In bicicletta a Malaga: la maestosa Fuente de la Reina in cima ai Montes de Malaga

Congratulazioni! Ce l’avete fatta. Beh, non proprio… continuate a percorrere qualche metro in più per raggiungere la cima dei monti di Malaga – Puerto de León. Non dimenticate di scattarvi un selfie per immortalare il momento!

Ora avete il vostro distintivo d’onore di ciclista malagueño! Siete stati a LA REINA in bicicletta!

Perché non premiarsi con il piatto tradizionale della zona, il plato de los montes, in una delle Ventas vicine?

Ve lo meritate!

https://www.strava.com/activities/8110271998

Ciclismo a Malaga – SUBIDA A LA REINA – la corsa ufficiale

Cyclists in the official annual race LA SUBIDA A LA REINA
Ciclisti nella gara ufficiale annuale LA SUBIDA A LA REINA (foto della pagina FB Subida Ciclista Fuente de la Reina)

Ogni anno a Malaga viene organizzata una corsa verso La Reina. Nel 2022 si terrà il 19 novembre. Ci saranno circa 500 partecipanti.

Il mio tempo medio per arrivare a La Reina in mountain bike è di solito di circa 1 ora e 45 minuti. Ovviamente, non sono qualificato per la gara.

Il record per raggiungere La Reina per l’uomo più veloce è di 36′ 05″. A quanto pare, la donna più veloce finora è stata solo “un po’” più veloce di me, con un tempo di 42’16”. È incredibile cosa può fare una bicicletta in fibra di carbonio. LOL!

La pagina web della gara ufficiale è solo in spagnolo. Tuttavia, ho tradotto una frase che mi piace molto dalla home page e che racchiude il significato di La Reina:

Una salita con sentimento, una grande sfida, la tua realizzazione personale.

È tutto questo e molto di più.

Un po’ di storia de LA FUENTE DE LA REINA

Un tempo, questa strada di montagna dove si trova la fontana era il più importante accesso alla città e al suo porto dall’interno della penisola per due secoli. Nel 1973, con la costruzione dell’autostrada, è diventata poco frequentata.

La leggenda vuole che la fontana della Regina debba il suo nome alla regina spagnola Isabel la Católica. Si dice che la regina abbia bevuto dalla fontana mentre era in viaggio per raggiungere il marito, il re Ferdinando, nell’anno 1487. Il re e le sue truppe tenevano la città sotto assedio. In effetti, Malaga fu una delle ultime città della penisola sotto il dominio musulmano a cadere sotto i conquistatori cattolici. È interessante notare che lo stemma della Castiglia si trova in cima alla fontana.

Tuttavia, un’altra teoria sulle origini del nome della fontana dubita che la regina cattolica si sia effettivamente fermata qui. La fontana serviva come luogo di riposo per i viaggiatori. Soprattutto, era la fonte d’acqua per gli abitanti di un piccolo insediamento musulmano sulle montagne chiamato “Rayyana, Riniya o Riana”. Curiosamente, il nome si traduce in Regina.

Qualunque sia la sua origine, la fontana continua a dissetare tutti coloro che vi si fermano. Ciclisti, motociclisti, escursionisti e viaggiatori possono fermarsi a contemplare tutti coloro che hanno fatto lo stesso nello stesso punto nel corso della storia.