In bicicletta a Malaga | Percorso della costa orientale fino a Rincón de la Victoria

Questo è senza dubbio uno dei nostri percorsi preferiti per andare in bicicletta a Malaga!

Scegliete tra le nostre comode biciclette da città o da trekking a noleggio per godervi il ciclismo a Malaga.

Sempre alla ricerca del mare, potrete pedalare per circa 20 km relativamente liberi dal traffico. Quindi, ovviamente, chiamiamo questo itinerario della costa orientale “no-brainer”. Crediamo che sia esattamente il tipo di attività di cui avete bisogno in vacanza!

Le distanze di questo percorso autoguidato in bicicletta a Malaga lungo la costa orientale dal negozio di biciclette di Malaga a:

Pedregalejo – 4 km | El Palo – 7 km | La Cala de Moral – 12 km | Rincon de la Victoria – 14 km | Chilches – 20 km | Nerja – 54 km

Al momento in cui scriviamo, i ciclisti possono attraversare il porto di Malaga e percorrere le corsie a 30 km/h.

Tuttavia, in altre zone della costa, è bene tenere d’occhio i cartelli che indicano dove si può o non si può pedalare.

IL PORTO (Muelle Uno e il Palmeral de las Sorpresas)

Cycling along the Palmeral de las Sorpresas in the port of Malaga.
In bicicletta lungo il Palmeral de las Sorpresas nel porto di Malaga.

Nell’Ottocento, il porto di Malaga era un alveare di attività commerciali.

Era il secondo porto più grande della Spagna dopo Barcellona ed era senza dubbio uno dei porti più importanti d’Europa.

Le sue esportazioni principali erano il famoso vino dolce di Malaga, l’uva passa, le mandorle, le olive e i fichi.

Negli anni successivi, il porto era una parte trascurata della città. Era pieno di magazzini abbandonati e di edifici in disuso.

L’attuale moderno porto turistico di Malaga è il risultato di una massiccia ristrutturazione. L’apertura ufficiale è avvenuta nel 2011. Ha trasformato completamente l’area e la città. A nostro avviso, offre un meraviglioso contrasto tra la città vecchia e il nuovo porto moderno.

Oggi non è raro vedere attraccati qui i mega-yacht dei ricchi e famosi. Allo stesso modo, le navi da crociera vengono qui tutto l’anno. I ristoranti e i bar sono frequentati giorno e notte da locali e turisti.

Passando per il porto di Malaga si può notare un’antica cappella incastonata tra tutti i negozi e i ristoranti alla moda. Si tratta di una cappella costruita per i marinai. Risale al 1531.

La Farola – il faro.

La Farola- the lighthouse of Malaga.
La Farola – il faro.

Questo amato punto di riferimento della città sostiene di essere uno dei due fari “femminili” della Spagna. (Tutti gli altri sono “El Faro”). Al faro si gira a sinistra per raggiungere la spiaggia della Malagueta, la più vicina alla città. Perché non fermarsi per una foto alla “scultura di sabbia” della Malagueta?

Sardine su un bastoncino!

Espeto de sardines
Espeto de Sardinas – sardine fresche cucinate sul barbecue del bar della spiaggia

Pedalando lungo la spiaggia di Malaga sentirete prima il profumo e poi vedrete uno dei piatti più famosi di Malaga. Naturalmente si tratta dei deliziosi espetos de sardinas! Gli “espeteros” cucinano le sardine sui barbecue delle barche aperte. L’espeto è il bastone su cui viene infilzato il pesce. L’espeto viene poi incastrato tra le zolle di legno d’ulivo ardente per affumicare il pesce. Le sardine si trovano in tutto il Mediterraneo, ma credeteci, non come queste!

Lo sapevate?

Il modo migliore e più semplice per mangiare le sardine è con le dita. In questo modo si evitano tutte le lische e il sapore è migliore!

Alla fine della pista ciclabile vedrete un grande edificio bianco con colonne chiamato:

In bicicletta a Malaga verso El Balneario – Baños del Carmen

Banos del Carmen
Banos del Carmen

Risalente al 1918, era originariamente una stazione balneare/spa. Era uno dei luoghi più popolari e alla moda di Malaga. Oltre a lussuosi padiglioni in stile arabo e a gabbie giganti piene di uccelli tropicali, c’era persino una fontana da cui sgorgava vino di Jerez, non acqua, ma vino!

Quei giorni sono ormai lontani. Tuttavia, questo è ancora uno dei luoghi più amati e popolari della città per i malagueños. È chiaramente il luogo perfetto per rilassarsi. Godetevi il panorama, ascoltate la musica dal vivo (nei fine settimana) e sentite le onde che si infrangono sugli scogli.

 Entrance to Banos del Carmen
Ingresso a Banos del Carmen

Lo sapevate?

Uno dei primi “campi da calcio” del Malaga F.C. si trovava a Baños del Carmen.

All’epoca, la squadra aveva un solo pallone. Per questo motivo, ogni volta che la palla finiva in mare, si interrompeva il gioco mentre il raccattapalle, che era seduto in una barca a remi in mare, remava per recuperare la palla!

Continuiamo il nostro percorso in bicicletta sulla costa orientale di Malaga! Girate a destra alla prima strada dopo la fine della pista ciclabile. Questo vi porterà a:

PEDREGALEJO – un antico quartiere di pescatori.

Merita una visita, anche se dovrete spingere la bicicletta sul lungomare in questa zona e a El Palo.

È una zona piena di casette carine e di ristoranti. Le calette poco profonde vicino al lungomare sono perfette per i bambini piccoli. Le colorate barche da pesca in legno che si vedono sono tipiche di questa zona.

PEDREGALEJO – traditional wooden fishing boat
PEDREGALEJO – traditional wooden fishing boat

Pedregalejo è nato come un quartiere di pescatori molto povero negli anni ’50 del XIX secolo. Ad esempio, le prime case erano semplici capanne di legno con tetti di latta. Evidentemente, quelle capanne si sono evolute nelle pittoresche case a uno o due piani che possiamo vedere oggi. A differenza del resto della Costa del Sol, qui non si trovano grattacieli o alberghi.

All’inizio del lungomare, si nota un grande edificio bianco sulla destra: ASTILLEROS NERO, un cantiere navale molto antico. Per quanto ne sappiamo, qui si trovava un cantiere navale fin dall’epoca fenicia. Oggi è un MUSEO VIVO’- un museo vivente. Se le porte sono aperte, fate un salto all’interno e viaggiate indietro nel tempo per vedere l’arte di costruire le barche a mano. (L’ingresso è gratuito, ma sono gradite donazioni).

Lo sapevate?

Il nome delle colorate barche da pesca in legno è JABEGAS. Il loro design risale probabilmente all’epoca fenicia. Infatti, ancora oggi le costruiscono a mano sulla spiaggia.

Leggete il nostro blog per maggiori informazioni sulle cose da fare a Pedregalejo.

Proseguite sul lungomare e superate il ponte ad arco blu per entrare nel quartiere di

Quartiere di EL PALO

Un antico quartiere di pescatori dove a volte si possono trovare i famosi espetos de sardinas a 1,50€!

E infine, alla fine del lungomare, si trova uno dei ristoranti più popolari di Malaga. EL TINTERO è amato sia dai locali che dai turisti.

Un posto unico dove mangiare il “pescaito frito”, il tipico piatto di pesce fritto misto. Non chiedete il menu, non c’è!

I camerieri vengono in giro con i piatti preparati. Gridano i nomi dei cibi e voi prendete quello che volete. Quando avete finito, contano i piatti e i bicchieri sporchi sul tavolo e scrivono “il conto” sulla tovaglia di carta.

È meglio andarci quando c’è molta gente per vivere appieno l’esperienza. Tuttavia, è anche importante arrivare “appena” prima dell’ora di pranzo spagnola (13.00-13.30) per non dover aspettare un tavolo. (Non accettano prenotazioni).

Per saperne di più su El Tintero.

Lo sapevate?

Forse vi state chiedendo come mai il nome “El Palo”. In spagnolo, un “palo” è un bastone. Una leggenda locale narra che una volta nella zona ci fu un naufragio. L’albero della nave rimase fuori dall’acqua per molti anni. I marinai lo usavano come punto di riferimento per comunicare la loro posizione, ad esempio: Siamo a 3 miglia da ‘el palo’.

Se vi trovate a Malaga il 16 luglio, El Palo è il posto giusto per le celebrazioni del giorno della Vergine del Carmen, la patrona dei marinai. Una fiesta davvero deliziosa!

In bicicletta fino alla spiaggia del Peñon del Cuervo

Alla fine della passeggiata di El Palo c’è una collina. Salite la collina, seguite la strada e vedrete un distributore di benzina REPSOL. Andate dietro la stazione di servizio e poi vi troverete in quella che noi chiamiamo romanticamente la “spiaggia della fabbrica di cemento”, poiché dietro la spiaggia c’è una fabbrica di cemento.

La fabbrica di cemento è una delle industrie più antiche di Malaga, con oltre 100 anni di vita. Impressionante, eh? Ma noi pensiamo che la spiaggia e il mare con la sua roccia sporgente siano molto più impressionanti. La roccia, “el peñon”, dà il nome a questa spiaggia.

Perché non nuotare fino alla roccia, arrampicarsi e tuffarsi in mare per rinfrescarsi durante la pedalata?

Cycling in Malaga to Peñon del Cuervo a.k.a The Cement Factory Beach is a must!
Andare in bicicletta a Malaga fino al Peñon del Cuervo, noto anche come Spiaggia della Cementeria, è un must!

Sicuramente noterete anche un’antica torre di pietra su una collina. Pedalando a Malaga su questo percorso della costa orientale vedrete tre di queste torri difensive risalenti al XIV secolo. Questa torre in particolare fu costruita nel 1574.

Queste torri di avvistamento si trovano lungo tutta la Costa del Sol. Furono costruite per avvisare dell’arrivo dei pirati. Per questo motivo, venivano utilizzati segnali di fumo durante il giorno e fuochi durante la notte.

Lo sapevate?

Il percorso si chiama EL CAMINO DE LOS CANADIENSES. (Il sentiero dei canadesi) dal nome di un medico canadese, Norman Bethune. Egli si trovava qui durante la guerra civile spagnola. Proprio su questo sentiero aiutò molti malagueños feriti. Purtroppo, stavano cercando di sfuggire alla conquista fascista di Malaga nel 1937. Tragicamente, aerei tedeschi e navi italiane li bombardarono durante il viaggio, causando un terribile massacro.

In bicicletta a Malaga fino a La Cala del Moral

Pedalando a Malaga lungo la costa orientale si passa presto sopra un fiume (solitamente asciutto) e si entra in un’altra zona balneare chiamata La Cala del Moral.

The beach at La Cala del Moral
La spiaggia di La Cala del Moral

Fate attenzione al cartello stradale all’inizio della passeggiata. Indica ai ciclisti la spiaggia. È vietato andare in bicicletta sul lungomare.

La sabbia è preparata per i ciclisti e i corridori, bella e compatta.

In bicicletta a Malaga fino al Rincón de la Victoria

Dopo aver pedalato sulla sabbia, si può percorrere la pista ciclabile che attraversa una serie di impressionanti tunnel scavati nella roccia. Le gallerie, che si trovano poco prima della città di Rincón de la Victoria, furono originariamente costruite per un treno che andava da Malaga a Vélez. Si trattava di un treno passeggeri e merci.

Cycling through the old train tunnels to Rincon de la Victoria
In bicicletta attraverso le vecchie gallerie ferroviarie fino a Rincon de la Victoria

Lo sapevate?

Il treno da Malaga a Velez era noto come la Cochinita (piccolo maiale) perché durante il suo primo viaggio investì una mandria di maiali, la maggior parte dei quali finì in chorizo! Il treno ha smesso di circolare nel 1960.

Subito dopo l’ultimo tunnel, girate rapidamente a destra e raggiungete il santuario della Virgen del Carmen nella roccia alla fine del sentiero. Fate una pausa con la gente del posto che rende omaggio alla Vergine.

Beautiful shrine to the Virgen del Carmen- patron saint of the sailors
Bellissimo santuario della Virgen del Carmen – patrona dei marinai

Lo sapevate?

Il nome Rincón de la Victoria fu dato dai monaci che provenivano da una città chiamata La Victoria a Cordova. Qui occuparono molti terreni e case. Essi diedero al luogo il nome attuale, che letteralmente significa “Angolo della Vittoria”.

Fino a circa 30 anni fa, Rincon de la Victoria era ancora una città di pescatori. Oggi, invece, è una destinazione residenziale e turistica stagionale.

Molti malagueños hanno la loro residenza estiva a Rincon. In genere, qui fa circa 5 gradi in meno rispetto alla città.

beach-rincon-de-la-victoria

Dopo la fine del lungomare di Rincon de la Victoria, pedalate lungo il sentiero di ghiaia in direzione di Torre de Benalgabón a Malaga.

Sosta per il pranzo e oltre

Se siete alla ricerca di un luogo di pranzo non tradizionale e assolutamente stravagante, perché non provare il chiringuito Puente Roma- la Quiniela Casa Paca? Un bar sulla spiaggia allestito nel letto di un fiume asciutto sotto un ponte!

Dopo Benalgabón, la pista ciclabile di Malaga si trasforma in un percorso naturalistico con cartelli informativi (in spagnolo) sulla flora e la fauna locali. Il percorso termina alle spiagge di CHILCHES, a circa 20 km dal negozio MALAGA BIKE.

Se volete proseguire da questo punto in poi, dovrete pedalare nel traffico. La città balneare di Torre del Mar dista altri 16 km. La bellissima città di Nerja, con le sue splendide scogliere e le sue case bianche, dista circa 30 km, ma vale la pena visitarla! Tuttavia, vi consigliamo di noleggiare una delle nostre biciclette da trekking per le gite più lunghe.

Speriamo che questo itinerario della costa orientale da Malaga vi sia piaciuto.

Il percorso di ritorno a Malaga è la stessa strada dell’andata.

Perché non provare i nostri altri percorsi autoguidati in bicicletta a Malaga lungo la costa occidentale e a nord verso i giardini botanici?

Categories